Cammini 2022

Fortemente consapevoli della pandemia in corso, proponiamo questi itinerari di cammino e vacanza attiva, facendo appello alla vostra sensibilità e conoscenza di cittadini e viaggiatori altrettanto consapevoli . Vi chiediamo pertanto, a fronte delle difficoltà organizzative che si  incontrano in questo periodo, di essere elastici e disponibili ad eventuali cambi di: data, itinerari, sistemazioni alberghiere e limitazioni gruppi. Ringraziandovi per la vostra comprensione, vi aspettiamo come sempre in compagnia, per percorrere e visitare ancora un altro pezzo della nostra bellissima Italia. Noi non ci arrendiamo e tra mille difficoltà proseguiamo il cammino... 


 

CAMMINO

19 e 20 Marzo 2022 - Primavera sulla Via carolingia 

Inaugurazione del tratto di Cammino Castiglione delle Stiviere - Mantova.

L'evento è in via di organizzazione nel rispetto delle norme COVID. La partecipazione al cammino è comunque aperta per poter programmare l'accoglienza e ospitalità . Si prega pertanto confermare la propria presenza entro il 17 marzo 2022 alla scheda iscrizioni dell'associazione: www.scarponauti.it/iscrizioni/ 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

MARZO

LOMBARDIA 

Primavera sulla Via Carolingia 

Inaugurazione del tracciato mantovano per eccellenza. Un itinerario di terra e di acqua seguendo il corso del fiume Mincio sino al grande Po. Luoghi emblematici del territorio che rendono questo percorso unico nel suo genere. Ripercorreremo un possibile tracciato che Carlo Magno percorse nell'anno 800' sino a Roma. Partiremo  dalle colline moreniche gardensi, ricche di fioriture e antichi borghi murati, arriveremo  a Mantova la città dei Gonzaga e, seguendo il Mincio e le grandi valli palustri ai paesaggi del grande Po e alle terre del tartufo. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

APRILE

LOMBARDIA - Lago di Como 

Il sentiero del Viandante

Il Sentiero del Viandante non si chiamava così. Anzi, non si chiamava proprio. Era solo un percorso sospeso a metà fra le vette innevate delle Grigne e il blu profondo del lago. Boschi ombrosi, squarci di luce, ruderi abbandonati. Alcune fonti lo fanno risalire addirittura all’epoca romana, ma al riguardo non ci sono dati sicuri. Si sa solo che sta lì da tanto, tantissimo tempo, e che oggi rappresenta una delle più belle escursioni per gli amanti del trekking e dei cammini nel Nord Italia,  50 chilometri percorribili a tappe fra natura storia e panorami mozzafiato.

 

 

 

 

 

 

 

 

MAGGIO 

Abruzzo – Cammini - Tra i borghi e le vallate del Parco Nazionale del Gran Sasso e Valle del Tirino.  

L'Abruzzo per molti è meta balneare per eccellenza, dimenticando così che all’ombra del Grasso e arroccati sulla montagna vi sono borghi, paesi e territori di grande bellezza che meritano d’essere scoperti . Maestose vallate a perdita d'occhio, fiumi turchesi e potabili, ciclabili bellissime sull'azzurro mare dell'abruzzo. Sei giorni di forti emozioni, in compagnia dei giovani della Cooperativa il Bosso, per conoscere ed apprezzare questo piccolo gioiello d'Italia che non smette mai di stupire.



Andarse dunque. Ma se possibile a piedi. Perchè così invece di attraversare le cose cammini loro accanto, perchè invece di incrociare la gente fai della strada in loro compagnia, perchè invece di correre attraverso un paese puoi tessere il tuo cammino, passo dopo passo, come il ragno tesse la sua tela"

(Jacques  Lanzmann)

 


CAMMINI ISTRUZIONI PER L'USO... DA LEGGERSI PRIMA DI OGNI CAMMINO.

 

Scoprire il piacere di camminare oltre i 50 anni è una cosa molto bella e spesso trasmette un grande senso di libertà, giovinezza e spensieratezza.

Partecipare a Cammini e Trekking comporta almeno due cose : non porsi troppe aspettative di prestazione, tenere a freno la testa e la fantasia, vivere la giornata per come viene.

Purtroppo buona parte dei cittadini presi dalla frenesia, in parte irrazionale, dei cammini (soprattutto dopo il lockdown) parte a spron battuto, senza porsi spesso in una logica di preparazione ai percorsi di piu’ giorni, rimanendo bloccati spesso al secondo/terzo giorno di cammino. 

E’ sufficiente sognare di camminare 20 km con tanto entusiasmo, leggendo magari qualche bella rivista patinata e scritta da giovani blogger, in cui sembra che tutto sia facile e bello per credere di farcela ?  No assolutamente…l’ottimismo non è sufficiente e nemmeno la rivista patinata, bisogna prepararsi prima.   

Passare da 0 a 10 a una certa età è pericoloso, poiché si chiedono al nostro corpo sforzi non comuni, meglio quindi una preparazione continua e graduale prima del cammino o trekking. Non è sufficiente fare la passeggiata o la camminata giornaliera (spesso sempre negli stessi luoghi) dei 10.000 passi ( circa 8 km), poiché il corpo e la mente si abituano agli stessi sforzi e quando capita di dover superare lo sforzo quotidiano per necessità, come a volte capita in un cammino,  il nostro corpo e la nostra mente si impauriscono bloccandoci.

Bisogna andare oltre l'abitudinario giornaliero.....

Bisogna sperimentarsi gradualmente anche su terreni diversi, cambiando anche i percorsi ed inserendo magari qualche facile difficoltà.

I cammini non passano solo per le pianure, come erroneamente molti credono, ma in territori misti, con colline e montagne, avvallamenti e anche canyon.  I Cammini non sono tutti uguali, ve ne sono di facili, difficili, per esperti a seconda del terreno in cui si sviluppano .

Bisogna sempre documentarsi prima di partire e chiedere informazioni alla guida che ci accompagna. 

Ricordiamoci che in Italia buona parte del terreno è al 68% in prevalenza collinare/montuoso !

Fare un cammino quindi oltre i 50 vuol dire essere nelle condizioni di forte consapevolezza delle proprie possibilità fisiche e psichiche,

senza se e senza ma. 

E’ quindi necessario e indispensabile fare almeno qualche uscita in montagna, con inizialmente 300/400 m di dislivello (raggiungere ad esempio un rifugio) per mettersi alla prova e regolarsi di conseguenza ascoltandosi.

Effettuare percorsi di almeno 10/15 km prima della partenza, in modo continuativo, arrivando preparati al cammino.

Trovate il tempo per farlo….la guida o chi vi accompagna vi ringrazierà!

Non affrontare un cammino come prima esperienza o per curiosità (come spesso ci sentiamo dire), meglio aver fatto escursioni giornaliere prima di partire, poi deciderete se quella curiosità vale la pena essere soddisfatta a piedi o altre modalità di viaggio.

Ricordate inoltre che le eccezioni tra amici e conoscenti "in forma" vi sono sempre, ma non sono quelle che fanno la regola.                              Scoprirete inoltre che queste persone spesso perseguono un mantenimento costante, sia come mobilità e alimentazione.

Nulla avviene a caso.    

I cammini che proponiamo, dove possibile, offrono un supporto con trasporto bagagli, albergo o ostello prenotato e assistenza in corso di viaggio. Ovviamente il costo cambia, poichè si garantisce un servizio che per un camminatore di una certa età diventa essenziale, come abbiamo visto e sperimentato. Esistono altri gruppi che non effettuano questo servizio, garantendo sempre i percorsi proposti , chi non volesse il trasporto e assistenza può rivolgersi a queste associazioni. 

Il resto dovete farlo voi, prima del Cammino, preparatevi a dovere, non partecipate senza esservi consultati con la guida, potreste pentirvene e trasformare una bella esperienza in una grande fatica e scocciatura per voi e per il gruppo nel quale siete inseriti, rallentandone il percorso e l’organizzazione e sentendovi in colpa.

Preferiamo essere sinceri con voi, facendovi capire che nei cammini vi sono compiti e doveri anche da parte del partecipante e non solo degli organizzatori, per rendere il cammino stesso una bella esperienza per tutti….

 

Un cordiale saluto

dallo Staff de Gli Scarponauti

 

 


CAMMINARE D'INVERNO...

D’inverno molte persone, quando fa freddo, smettono di essere attive e si chiudono in palestra.

Meglio fare il contrario ! 

Una fredda giornata invernale di sole, ci rende non solo felici ma aiuta a combattere il fatto che le giornate sono più corte e passiamo molto più tempo al chiuso, accumulando emozioni negative.

All’aperto, invece, durante l’attività fisica, il benessere aumenta perché la luce naturale del giorno fa salire endorfine e serotonina gli "ormoni della felicità o serenità".

Numerosi studi hanno evidenziato che proprio la “terapia della luce” aiuta contro la depressione stagionale dell’autunno e inverno.

Quando si sta all’aria aperta, cresce la produzione di vitamina D, che attiva il rilascio di serotonina, rafforza l’assorbimento del calcio, combatte le infiammazioni e potenzia il sistema immunitario. Dobbiamo poi pensare che non possiamo rimanere in forma solo in primavera ed estate, ma lo dobbiamo fare tutto l’anno anche con un minimo di sacrificio.

Il freddo peraltro diventa nostro alleato: con il freddo si consumano più calorie, perché il nostro corpo lavora maggiormente per mantenere costante la sua temperatura.

Altro vantaggio della camminata in inverno è che quando fa freddo, l’organismo cerca di conservare la temperatura interna più o meno costante, intorno a 37°C, favorendo così la circolazione sanguigna. Il cuore pomperà più forte rinforzandosi.

Non bisogna avere paura di ammalarsi.

Rimanendo all’aria aperta si aiuta il proprio corpo ad abituarsi al freddo, innalzando le difese immunitarie!

L’importante è vestirsi in modo corretto: proteggere la testa e la gola e non vestirsi troppo né troppo poco.

E infine si può fare quando si vuole, appena si ha un momento libero!

Questi sono alcuni dei vantaggi del camminare in inverno.  

Ora che sai perché, vale la pena continuare a uscire a camminare all’aria aperta anche nei mesi freddi, ottimizza la tua attività fisica DI MANTENIMENTO con una alimentazione adeguata e bilanciata.

Cammina per te stesso/a, per la tua salute, rafforzando il tuo sistema immunitario ed una  migliore visione psicologica di se, non porti eccessivi traguardi da sportivo, recupera il puro piacere del gesto e ascolta il beneficio dentro e fuori te stesso, smettila di guardare il contapassi o il cardiofrequenzimetro, spegni il cellulare, isolati per la durata del gesto è una meditazione che deve servire a te e al tuo corpo psico/fisico .

Inoltre....anche se è inverno, ricordati innanzitutto della giusta idratazione! 

Bere in modo adeguato durante la giornata e reintegrare i liquidi persi durante l’attività (sempre).

In una camminata sportiva, a passo sostenuto, si suda anche in inverno (anche se la sensazione di “corpo bagnato” è inferiore rispetto ai mesi estivi). Devi inoltre non dimenticare di partire stanco, ma con  energia e motivato nella camminata, se ami la musica ascoltala, ma è meglio restare in silenzio ed ascoltare il proprio corpo (cuore e respiro) almeno le prime volte.

Come detto prima, per mantenere il corpo alla giusta temperatura, si consumano più calorie. 

Aumenta quindi i carboidrati quando sai che devi allenarti, mangiando sempre almeno 2-3 ore prima.

L’inverno ci regala poi dei vegetali ricchi in vitamina C, essenziale al nostro sistema immunitario: kiwi, melograni, agrumi ma anche cavolfiori e broccoli. Alimenti perfetti per far funzionare al meglio il tuo metabolismo.

E finito l’allenamento, ripristina le scorte, con carboidrati e proteine, per rinforzare la tua muscolatura.

Alla sera non fare tardi dopo uno sforzo muscolare ma coricati appena senti la stanchezza, ascolta il tuo corpo ne trarrai beneficio.

Buon Cammino!


I nostri viaggi...

 

I nostri viaggi non hanno effetti speciali, sono veri, autentici e spesso non sono su cataloghi di viaggio. Offrono sempre momenti  di incontro con le tradizioni e le persone del territorio. Sono per tutti coloro che si sentono viaggiatori attivi e sportivi, disposti ad adattarsi a diverse  situazioni che nei viaggi possono venirsi a creare. Non amiamo traguardi e gesti estremi e nemmeno aver l'orologio alla mano , tuttavia in alcuni viaggi un minimo di fatica per il raggiungimento di certe località va messa nel conto, e se lo facciamo è per potervi offrire momenti autentici, perchè sappiamo che quella piccola fatica vi lascerà qualcosa di bello e profondo nei vostri ricordi di viaggio. 

 

Non sarete mai totalmente soli, ma in compagnia con altre persone, tuttavia nel corso del viaggio, se vorrete avere "momenti vostri" vedremo di esaudire anche questo desiderio, ovviamente nell'ambito del possibile. Dopo 25 anni, siamo ancora qui.

Con noi una piccola parte di umanità si è incontrata nei gruppi dei nostri viaggi ed escursioni. Tra questi incontri sono nati anche lunghi amori e figli ...anche questo fa parte della nostra storia... e lo diciamo con orgoglio e leggerezza, contenti di mostrare la nostra umanità e socialità. 

 

Non ci interessano i guru del cammino, per noi Camminare è un gesto liberatorio, quasi anarchico, per uscire dalle mille regole della vita quotidiana e non necessariamente include un “ fine” specifico, QUESTO SEMMAI LO TROVERETE VOI STRADA FACENDO.

La bellezza del cammino risiede nell’atto stesso del gesto, e nel modo in cui corpo e "anima" dialogano, in una dimensione del tutto diversa dal quotidiano a cui siamo abituati. Oltre a questi aspetti semplici uniamo sempre quello della conoscenza e della bellezza che riteniamo imprescindibili da un viaggio a piedi o un cammino. Camminare su antiche o nuove vie porta a scoprire i territori attraversando cultura, storia, enogastronomia... ritrovando uno stato di benessere interiore. 

Per camminare e guarire, bisogna prepararsi nel fisico, nella mente e nello spirito, come qualsiasi atleta compie prima della grande gara. L'invito è rivolto a tutti coloro che vogliono mettersi in gioco. 

 

Usciamo da casa e...cominciamo a camminare!


Statistiche sui camminatori in Italia:

In ITALIA si cammina sempre più spesso e gli Italiani scelgono sempre più le belle Vie Storiche Italiane.  Il merito va a tutte quelle associazioni, Comuni, enti del territorio, guide e volontari che negli ultimi 16 anni hanno creduto fortemente nel cammino e che su questo hanno investito idee e risorse. Prima tra tutte la bellissima Via Francigena.

Oggi visitare l'Italia o parte di essa a piedi si può... le Via di Cammino sono in aumento ed i camminatori pure e questo è un bellissimo e positivo segno.

Gli Scarponauti, 13 anni fa, furono tra le prime associazioni mantovane a valorizzare le Vie di Cammino sul territorio, e furono l'unica associazione che collaborò alla creazione della Via Carolingia tratto mantovano di futura rivalorizzazione. Oggi il territorio mantovano è attraversato da ben 4 vie: La Via Carolingia, Il Cammino Verde, La Via Matildica del Volto Santo e la Via Postumia. Ben contenti della scelta fatta, oggi proseguiamo sulla strada intrapresa. Ogni anno faremo un cammino, ogni anno scopriremo parti  di questa nostra bella Italia a piedi , seguiteci e restate con noi..... camminare fa stare bene e insieme si può fare! 

ALCUNI DATI SIGNIFICATIVI: Dai risultati del questionario effettuato dalla casa editrice di Terre di Mezzo emerge un ritratto del camminatore tipo in Italia. È una minoranza (il 25%) quella che si mette in cammino per motivi religiosi, gli altri annoverano tra le motivazioni “per fare trekking” (52%), “per stare nella natura” (50%) o “per scoprire il territorio” (46%).

Tre su quattro hanno già fatto altri itinerari e camminano soprattutto gli over 40: il 28,9% ha tra 51 e 60 anni, il 24,1% tra 61 e 70 anni, il 19,7% tra 41 e 50 anni. Le donne sono il 43%. Solo il 12% ha la licenza media, mentre diplomati e laureati si equivalgono (44%). Pochi quelli che affrontano il pellegrinaggio in bici, l’11%. La maggior parte intraprende un cammino per motivi religiosi, gli altri annoverano tra le motivazioni “per fare trekking”(52%), “per stare nella natura” (50%) o “per scoprire il territorio” (46%). Moltissimi si cimentano nell’impresa nel periodo primaverile o estivo: i picchi si registrano a maggio (19% di chi ha risposto) e in agosto (21%). Il 51% fa tutto il cammino in una sola volta. Ma se si entra nel dettaglio dei singoli itinerari si trovano molte differenze. Sulla via Francigena solo il 16% parte e arriva in una sola stagione, gli altri preferiscono spezzettare il cammino su anni diversi. Sono percorsi interamente invece i cammini più brevi, come la Via degli Dei (90%), la Magna via Francigena in Sicilia (82%), Italia coast to coast (64%) e Cammino di San Benedetto (51%). I cammini francescani sono affrontati tutto d’un fiato dal 43%....altre info https://www.percorsiditerre.it/ora-i-camminatori-italiani-preferiscono-gli-itinerari-in-italia/



 

 

 

 

 

Gli SCARPONAUTI 

Circolo ARCI di Turismo Attivo affiliata ad ARCI e AIGAE - Piazza Tom Benetollo n..1/ a Mantova  - Mob. 349.8614896 

 P. IVA - 01870050208 -     C.F. - 93030660208 - info@scarponauti.it 


ARCI MANTOVA

Piazza Tom Benetollo, 1 Mantova - http://www.arcimantova.com

 Arci Mantova, fondata nel 1964, è un'associazione di secondo livello cui aderiscono 53 circoli e 18.000 soci che, attraverso i circoli affiliati, costituisce una rete di luoghi, esperienze e competenze promosse dai soci ed operatori al fine di sostenere e accompagnare i cittadini e le comunità nell’esprimere bisogni, individuare risposte, interpretare e trasformare in attività interessi sociali e culturali.

La tessera ha validità annuale, dal 1 ottobre 2020 al 31 dicembre 2021 (in deroga rispetto alla scadenza consueta). Dà diritto a partecipare alle attività dei Circoli e delle strutture dell'Associazione di tutto il territorio di Mantova. Dà diritto al socio di partecipare ad ogni momento della vita democratica dell'associazione, dà diritto ai servizi forniti dal Circolo, dall'Associazione a livello locale e a livello nazionale. La tessera dà diritto anche ad una serie di sconti ed opportunità a livello nazionale e locale.

 Per info sulle convenzioni attive visita il sito di Arci Mantova: https://www.arci.it/convenzioni/

CON GLI SCARPONAUTI LA TESSERA COSTERA' 13 EURO ANNUE + IN OMAGGIO UNA SPILLA SCARPONAUTI DA ATTACCARE ALLO ZAINO E l'ESCLUSIVA MAGLIETTA AL COSTO DI € 7,00

Per partecipare alle nostre escursioni è obbligatoria la sottoscrizione della tessera annuale e che da diritto anche ad una copertura assicurativa UNIPOL (infortunio, diaria, etc.). La tessera si può sottoscrivere anche il giorno stesso della partecipazione ad una nostra escursione.


ASSOCIAZIONE ITALIANA GUIDE AMBIENTALI ESCURSIONISTICHE

www.aigae.org

Ad AIGAE fanno riferimento tanto le Guide Escursionistiche Ambientali che si occupano di Ecoturismo, che gli operatori di Educazione Ambientale che operano come liberi professionisti o nelle maggiori aziende italiane impegnate nella promozione del turismo sostenibile e della didattica ambientale.


I NOSTRI VIAGGI CON:

 L’Organizzazione tecnica per i nostri viaggi è supportata da  On The Road Travel Mantova  

Rea (4) 250648- prot. 2013/40251

Via Chiassi n.20/E - tel. 0376.337149  info@ontheraodtravel.it 


VISITE GUIDATE A MANTOVA E LAGO DI GARDA:

 ASSOCIAZIONE CULTURALE GUIDE TURISTICHE VIRGILIO 

 Tel. 0376225989  - 338 1020427

 www.virgilioguide.it 

 virgilioguide@gmail.com

Guide turistiche per gruppi, scuole o singoli, in lingua italiana o straniera. Visite guidate ai musei della città di Mantova o limitrofe, anche personalizzate.


NOLEGGI E TRASPORTO BICI CON:

 

 

 

MANTOVABIKEXPERIENCE 

Noleggio bici per ciclotour.   Ampia possibilità di scelta nella tipologia di bicicletta e negli accessori, anche per bimbi e per amici a quattro zampe. Servizio di pick - up completo se il tragitto di andata  e ritorno nella località prescelta è troppo impegnativo.  VIA BACCHELLI N.6 - Marengo - MARMIROLO - a metà strada tra  Mantova e Peschiera sulla omonima ciclovia -  338.1208689 -  mail . info@mantovabikexperience.com 


RIPARAZIONI BICI CON:

CICLOFFICINA ERRANTE RIPARAZIONE BICI A DOMICILIO  

Mantova e dintorni -Bici da corsa, Mtb, Citybike. Restauro e personalizzazione bici, saldatura a tig, verniciatura telai e ogni cosa abbia due ruote.  Sede:  in  Via Ariosto n. 22 - Mantova ( quartiere Valletta Valsecchi) 

CONTATTI:  tel. 0376/325594
333 2234881  fauster.ff@gmail.com

LE ESPLORAZIONI NELLA BASSA CON:

CAMPAPO

Società Cooperativa Agricola CampaPo

Servizi per la promozione e l’accoglienza turistica dell’Oltrepò Mantovano . Piazza Gramsci, 6 - Pieve di Coriano - Comune di Borgo Mantovano (Mn) - tel. 327.2266738 - info@campapo.it - www.campapo.it 


  

DDATTICA

Laboratori di educazione ambientale e tematiche sui temi dell'eco-sostenibilità. Guide in ambiente anche per bambini. 

Le attività di Ddattica sono anche disponibili presso l’Atelier di educazione ambientale esperienziale Montessori che si trova a Piazza Italia 15/b - Quingentole (Mn) -

tel. 328 2843037 - info@ddattica.it - www.ddattica.it


OSTELLO DEI CONCARI -  l'OSTELLO DEI CICLOTURISTI

A Governolo, pochi chilometri da Mantova sulla confluenza tra il Mincio ed il Po,

un'accogliente Ostello con una simpatica Osteria in luogo tra i più suggestivi della zona....provare per credere !

info@ostellodeiconcari.com


LA VIA CAROLINGIA

 

IN CAMMINO SULLA VIA CAROLINGIA

Il percorso carolingio nel territorio mantovano è stato individuato in un fascio di tracciati che lo solcano da Castiglione delle Stiviere fino a Sermide passando per Solferino, Cavriana, Monzambano, Volta Mantovana, Goito, Soave di Porto Mantovano, Mantova, Virgilio, San Benedetto Po.   Gli Scarponauti si stanno occupando della rimappatura del percorso mantovano per poter organizzare percorsi e servizi per gruppi di cammino.

www.viacarolingia.eu tel. 339 6656136 - p.trentini@yahoo.it

MANTOVA CAROLINGIA. ORTO CAROLINGIO AL GRADARO

Nasce allo scopo di valorizzare il percorso della Via Carolingia. In questo contesta si sviluppa anche l'ideazione dell'orto/giardino di Carlo Magno, desunto dal Capitulare de villis vel curtis imperii emanato per disciplinare le attività rurali agricole e commerciali delle fattorie dell'impero.

Gli Scarponauti si occupano della visita dell'orto didattico per gruppi e scuole.

tel. 349 8614896 - iscrizioni@scarponauti.it

L'ORTO CAROLINGIO MEDIEVALE DELLA CHIESA DEL GRADARO 

Bisogna ringraziare di questo bellissimo progetto di orto medievale in primo luogo il Presidente/Coordinatore dell'Associazione “Mantova Carolingia” - Arch. Claudio Bondioli Bettinelli, il consigliere Arch. Roberto Soggia per l’ideazione progettuale e il Dott. Giorgio Grossi che, unitamente a Mantova Ambiente e ai bravi giardinieri, hanno posto a dimora piante e specie botaniche opportunamente selezionate. Successivamente a questo, si sottolinea il lavoro di mantenimento, soprattutto nel periodo estivo, compiuto per turni di innaffiatura e prima pulizia ad opera di un gruppo di volontari costituiti da Gli Scarponauti, volontari e persone della parrocchia del Gradaro. E' grazie a questa sinergia che oggi possiamo dirci soddisfatti del bellissimo Orto Carolingio, che proseguirà nel corso del tempo e sarà ampliato con nuove specie vegetali. Sono previste inoltre iniziative culturali e didattiche per la valorizzazione del sito nella prossima stagione primaverile/estiva, tra le quali vogliamo ricordare il gemellaggio con le Associazioni Mantova/Weingarten e Mantova/Paderborn. 

 Per visitare l'Orto contattare il numero 335 402683 o inviare una mail a cbb@libero.it